Parco della Salute all’Ospedale di Asti – convegno venerdi’ 6 ottobre all’ASL di Asti

ospedale oggi

Ricorderete che tra le molteplici iniziative che Movimenti, Associazioni, Comitati e singoli cittadini astigiani attuarono per contrastare il progetto della centrale del teleriscaldamento all’interno dell’Ospedale Cardinal Massaia, vi fu anche la proposta di dedicare l’area ad un giardino terapeutico. Venerdì 6 ottobre quella proposta “dal basso” prenderà una prima importante forma …

Dopo il diniego dell’autorizzazione alla realizzazione dell’impianto di teleriscaldamento, infatti, la direzione generale dell’Asl di Asti ha deciso di raccogliere gli stimoli e avviato un percorso progettuale che ha raccolto l’interesse dell’Assessorato regionale alla Sanità e la partecipazione attiva degli Ordini professionali astigiani, non solo del settore medico-sanitario.
In questi mesi l’ampio “tavolo tecnico” si è riunito periodicamente producendo idee, analisi, ipotesi.
Che venerdì 6 ottobre confluiranno in un dibattito serrato tra professionisti e cittadini, in grado di fornire le basi (teoriche e pratiche) per la futura realizzazione.

Ai giardini terapeutici sono oggi pienamente riconosciute, anche dalle più importanti riviste medico-scientifiche, le capacità di ridurre e attenuare le sindromi di deficit dell’attenzione e dell’iperattività (ottimo, quindi, per i bambini); sollevare l’umore e calmare lo stato d’animo nei casi di depressione; supportare e aiutare nella malattia di Alzheimer o di altre malattie senili e degenerative; controllare i sintomi del diabete e regolare sindromi legate al cibo; rilassare, calmare e migliorare il sistema immunitario; migliorare le condizioni di lavoro del personale medico e paramedico dell’ospedale (con una minore incidenza del burnout); diminuire l’uso dei medicinali; accelerare i tempi di guarigione soprattutto a seguito di interventi operatori o episodi legati ad eventi traumatici.
Ed è proprio su questa linea che il “tavolo tecnico” sta lavorando.

Invitiamo tutte e tutti a partecipare all’incontro, perchè non vi sfuggirà il significato di un progetto che nasce con l’idea di essere un’alternativa concreta e uno strumento di autentica cura naturale, sospinto dall’esigenza dei comuni cittadini (e non frutto di una pura visione “dall’alto”): dovremmo imparare tutti da questo modello di politica spontanea collettiva !

Per esigenze organizzative e di spazio è richiesto un cenno di conferma della vostra partecipazione entro il 2 ottobre 2017: tel. 0141 486552 – 484473 – email: ctorretta@asl.at.itplenzi@asl.at.it